Socialisti filorussi primo partito, ma senza maggioranza. Il “nuovo” governo nazionalista manterrà un europeismo di facciata senza effettuare le riforme.

Il 24 febbraio si sono tenuti nella Repubblica Moldova un importante referendum costituzionale e le elezioni parlamentari, dai cui esiti potrebbe dipendere il futuro orientamento geopolitico della piccola nazione, frapposta fra la più prospera Unione Europea e l’avviluppante mondo russo (russkij mir).

Per il sistema costituzionale vigente, improntato sul …

Continua a leggere su Limes(online)