Approfondimenti

Romania, la mano lunga dell’Europa dietro le proteste (e ora tocca alla Bulgaria)

Dopo le manifestazioni lascia anche il ministro della Giustizia rumeno. Il governo alza i toni contro l’Europa ma è Bruxelles ad avere il coltello dalla parte del manico: a rischio l’adesione a Schengen e soprattutto i fondi. Gli altri paesi dell’Unione sono pronti ad approfittarne.